contact@furioso.info

Spotify Family controllo della posizione con Google Maps

Spotify Family

Spotify Family, il servizio Premium dedicato all’intera famiglia richiederà l’autorizzazione al controllo della nostra posizione con Google Maps. E’ protesta tra gli utenti.

Proteste tra gli utenti di Spotify per la decisione del controllo della posizione

Sembra che ogni tanto Spotify torni sui propri passi. No, non parliamo della questione del widget su Android rimosso e poi ripristinato grazie alle lamentele degli utenti ma di un altra “spinosa” questione.

Sembrerebbe infatti essere stato reitrodotto nel piano di abbonamento Premium Family il controllo della posizione dei vari dispositivi. Tutto questo è stato ritrovato all’interno delle nuovissime condizioni d’uso del piano d’abbonamento Family.

Spotify Family

Utenti sul piede di guerra contro Spotify, anche questa volta

Spotify con la reintroduzione sul piano Family del controllo della posizione, ha scatenato la furia, ancora una volta, dei propri abbonati. Questa volta però sono molti di più i dubbi che sorgono agli utenti.

Ma facciamo un passo indietro. Perché l’azienda svedese vorrebbe controllare la posizione degli abbonati Family? E’ molto semplice, per arginare il fenomeno della divisione di un solo account tra più utenti.

Ultimamente sono nate delle vere e proprie piattaforme online come TogetherPrice che permettono a prezzi davvero bassissimi di condividere account Spotify, Netflix, Dazn, Amazon Prime etc..

C’è qualche pericolo per la mia privacy con il controllo della posizione?

Questa tipologia di controlli periodici, volti a scovare chi sfrutta queste nuove piattaforme online, o semplicemente “si divide” le spese con gli amici però potrebbero compromettere la nostra privacy.

Secondo inoltre quanto riportato da alcune lamentele di utenti, non si sarebbe capito quando queste rilevazioni verebbero effettuate e quante volte verrebbero effettuate.

Pertanto, al momento non si conoscerà quale sarà la mossa di Spotify e su come verrà risolta la diatriba con i propri clienti. Rimane comunque il fatto che anche stavolta gli utenti, come in passato faranno ritornare la società svedese sui passi che vogliono gli utenti.

Iscriviti a Furioso.infoNON ISCRIVERTI SE NON VUOI RIMANERE AGGIORNATO!

 

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento