contact@furioso.info

Google Fi è presente negli aeroporti per vendere le SIM

Google Fi

Google Fi, l’operatore virtuale di Google, presente negli USA ha iniziato a vendere le SIM del suo operatore direttamente negli aeroporti. Ma perchè? Scopriamolo insieme.

Google Fi offre il roaming nelle sue offerte per più di 200 nazioni con le sue SIM

All’aeroporto J.F.K di New York è possibile trovare attualmente uno strano distributore automatico; questo distributore automatico vende le SIM dell’operatore virtuale di Google, chiamato Google Fi.

Cos’è Fi di Google? Fi è un operatore full MVNO statunitense su rete dell’operatore Sprint, il terzo MNO più grande degli USA dopo AT&T, Verizon Wireless e T-Mobile.

Il mercato statunitense della telefonia mobile è molto diverso da quello italiano. Le tariffe telefoniche sono molto più care rispetto a quelle del nostro paese e se compariamo un offerta base in voga in Italia, con minuti ed sms illimitati e 50GB di internet; con un provider statunitense si spende mediamente 70/80 dollari al mese per ottenere le medesime cose.

Google Fi

Google Fi, le offerte disponibili per gli utenti

Negli USA Fi, offre vari pacchetti minuti, sms e dati da partire da circa 30 dollari, un prezzo mediamente basso se vediamo i prezzi medi dei gestori principali statunitensi. Ma dov’è la forza di Fi?

Fi permette di utilizzare tutto il bundle della propria offerta in 200 nazioni in roaming; tra cui anche l’Italia (alla quale si collega in roaming su rete TIM). Questo rappresenta un aiuto per chi vuole usufruire del proprio smartphone anche all’estero, a prescindere che tu sia statunitense o non.

Infatti le tariffe di Google possono essere attivate anche da chi non è cittadino statunitense e sono ricaricabili (Pay As You Go in inglese), infatti è possibile utilizzare internet e chiamare negli Stati Utili, numeri statunitensi per un totale di 60 dollari tra offerta (valida 30 giorni) e costo della SIM (disponibile in formato standard, micro e nano SIM).

L’operatore di Google presente anche in Europa e in Italia?

Sembrerebbe che Google voglia espandersi anche nel vecchio continente e abbia registrato il marchio Fi in alcuni stati europei come Francia, Regno Unito, Olanda, Germania, Spagna ed Italia.

In Italia l’operatore virtuale di Google entrerebbe già in un mercato già molto competitivo e saturo di richiesta ed offerte molto agguerrite grazie all’arrivo di Iliad nello scorso anno e al futuro arrivo dell’operatore austriaco sempre full MVNO Spusu nel primo semestre 2020.

Non si conosce su quale rete l’operatore opererà in Italia, rumors ipotizzano che potrebbe operare su rete WindTre (unificata) o persino su rete proprietaria Iliad (società che ha smentito però per il momento l’arrivo di qualsiasi MVNO sulla loro rete).

Iscriviti a Furioso.infoNON ISCRIVERTI SE NON VUOI RIMANERE AGGIORNATO!

 

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento