contact@furioso.info

Google elimina per sempre la produzione di tablet

Google smette di produrre tablet

Google smette di produrre tablet cancellando due progetti

google abbandona tablet

Sicuramente la maggior parte di noi a casa possiede un tablet, ma molto probabilmente la maggior parte non lo utilizza: e Google dice Ok!

La produzione dei tablet marchiati Google è ufficialmente abbandonata così da permettere a Mountain View di potersi dedicare interamente ai portatili quali ChromeBook. Si sa con certezza questa cosa per via dell’interruzione della produzione di due dispositivi, tablet ovviamente.

Questa scelta difficilmente risulterà incomprensibile a molti, alla fine gli smartphone di adesso montano display sempre più grandi e con un ottimo rapporto SUPERFICIE/DISPLAY, il che permette di avere un 6.7″ con dimensioni diciamo “contenute”; basta notare l’OnePlus 7 Pro.

Da parte di Google invece, sarà complicato vederla disperarsi a motivo di questa scelta; all’inizio dell’era dei tablet è riuscita a cavalcare l’onda tramite i Nexus, dispositivi con un ottimo rapporto qualità/prezzo che sono riusciti a entrare in molte case e magari tuttora vivono.

Comunque, l’ultimo tablet targato big G, è ricordato come Pixel Slate (quello che vedete in copertina) e malgrado alcuni suoi problemi a livello software, è riuscito a piacere a molti.

Leggi anche: Google si schiera con Huawei e va contro Trump

google abbandona tablet

Fine della produzione degli smartphone?

Ma anche no. Google ha interrotto la produzione dei tablet, non da confondere assolutamente col settore mobile, il quale sta prendendo un’ottima piega con l’uscita di Google Pixel 3A.

Con il nuovo dispositivo di domotica Google Nest inoltre si va a migliorare e ad ampliare l’idea di ecosistema Google, cosa che piace molto alle aziende di oggi…

Il grande G si concentrerà molto sui Chromebook e investirà notevoli risorse per quanto riguarda la ricerca e sviluppo, puntando al miglioramento del sistema operativo montato sui suoi laptop: ChromeOS.

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento